Modello logico di reportage fotografico

La fotografia di reportage esiste da oltre 160 anni, dai tempi della guerra di Crimea (1853-1856). Tuttavia, fino al 1880, l’attrezzatura di stampa non poteva riprodurre correttamente gli scatti fotografici effettuati da giornalisti britannici come William Simpson di “The Illustrated London News” o Roger Fenton furono infatti messi in scena. L’artista realizzava un’incisione sulla base di una fotografia, con la quale veniva realizzata la stampa e poi pubblicata. Le immagini originali venivano solitamente esposte alle mostre o realizzate in un numero limitato di copie.

In pratica, il fotogiornalismo è una forma speciale di giornalismo che utilizza la fotografia come principale mezzo di espressione. Allo stesso tempo, è estremamente importante utilizzare questo strumento correttamente, mostrando l’essenza di ciò che sta accadendo in modo affidabile e tempestivo.

William Simpson. Charge of the Light Cavalry Brigade, 25th Oct. 1854, under Major General the Earl of Cardigan
CRIMEAN WAR. BRITISH CAMP. Winter camp of the British Army during the Crimean War. English lithograph by William Simpson, 1855. ©GRANGER

Bisogna considerare un reportage fotografico come una creazione da modellare, paragonabile al grano che deve germogliare. Immaginate una persona in piedi con una macchina fotografica pronta a fare un reportage fotografico. Ma come lo fa? È qui che inizia il movimento che possiamo chiamare “germinazione del grano”.

Potremmo distinguere 3 aree principali del saggio fotografico:

1. Fatti

Catturare i fatti sulla macchina fotografica non richiede parole. Ad esempio, stavo camminando per la città e ho visto uno Yeti. Avevo con me una macchina fotografica e sono riuscito a scattare qualche foto. Non importa quanto siano di qualità le foto, l’importante è che sia riuscito a scattarle. Allora posso semplicemente scrivere: “Oggi, in questa data, lo Yeti è stato visto nella città “X”. Sono riuscito ad avvicinarmi abbastanza per osservarlo e mostrarlo nel dettaglio … “. Questo metterà fine alla storia fotografica.

A prima vista, può sembrare che non ci sia nulla di complicato in questo. Tutto ciò che serve è essere al posto giusto al momento giusto e avere una macchina fotografica pronta con te. È molto più difficile realizzare un reportage fotografico quando le fotografie sono prove o illustrazioni di un apparato mentale, analitico o testuale.

2. Prove

In questo caso, per scattare le fotografie, dovremmo avere le idee molto chiare sulle operazioni da svolgere, solamente dopo potremo iniziare a scattare le fotografie, così potremo presentare del materiale valido e interessante da pubblicare. Più le fotografie sono nitide e artistiche, più influenzeranno il pubblico e renderanno il reportage fotografico interessante.

3. Eventi.

Questo è il caso più comune di un reportage fotografico. Questi possono essere eventi sportivi, inaugurazioni, emergenze, ecc.

Ad esempio, durante una spedizione scientifica in Calabria, abbiamo assistito al funerale di una persona di alto rango. Non avevamo pianificato queste riprese, ma Raffaele Giordano teneva in mano una macchina fotografica e ha scattato diverse foto.

Reportage fotografico del funerale di una persona di alto rango. Calabria 2018
Reportage fotografico del funerale di una persona di alto rango. Calabria 2018
Reportage fotografico del funerale di una persona di alto rango. Calabria 2018

Il reportage fotografico germoglia come grano in una di queste tre direzioni. Ma cosa germoglierà – non lo sapremo prima del reportage fotografico. Può succedere di avere a che fare con diversi tipi di foto, ad esempio, un incendio durante un raduno, e quando arriviamo sulla scena, scopriamo che non c’è nessun incendio. Di conseguenza, scattiamo una foto (grandangolare) che mostra che nulla è in fiamme. Risulta solo una foto, ed è così che apparirà il nostro reportage fotografico in questo caso.

Quindi, dobbiamo immaginare che tipo di terreno potrebbe servire per la germinazione del grano sotto forma di un reportage fotografico di una di queste tre categorie. Questa è la nostra attività. Prima di dedicarti al reportage fotografico, devi spostare la tua attenzione e iniziare a cercare materiale futuro.

Un fotografo deve cercare fatti, individuare eventi, trovare le prove di alcune conclusioni preliminari, ecc.

Non prendiamo in considerazione i casi in cui a un fotografo viene assegnato un compito chiaro su un giornale o una rivista. In questi casi, la redazione ha già svolto il lavoro preliminare e il fotografo lo sta facendo.

Fondamentalmente, l’intera storia è divisa in 3 teorie sulla germinazione del grano:

– Fissazione dei fatti;

– raccolta di prove;

– Teoria della fissazione e presentazione degli eventi.

Potremmo classificare 3 tipologie di reportage fotografico come segue: eventi – il tipo più comune di reportage fotografico; i fatti che sono meno comuni e le prove fotografiche che sono ancora meno comuni.

È importante capire che il requisito principale in un reportage è l’informazione, non la fotografia. Usiamo la fotografia per trasmettere informazioni.

Ad esempio, guardando la fotografia di Henri Cartier-Bresson ” Incendio davanti a Manhattan, 1947 si può vedere che il fuoco stesso è mostrato in primo piano e l’esecuzione artistica della fotografia amplifica le emozioni dello spettatore quando lo guarda. Un tempo, questa immagine era una sorta di personificazione di “vite in fiamme” sullo sfondo di Manhattan. Tanti hanno associato questa foto, che riporta non solo un fatto, ma riveste anche un profondo significato filosofico.

Ci sono alcune cose importanti da tenere a mente quando si scatta un saggio fotografico. Se fissiamo un fatto, questo non dovrebbe richiedere alcuna prova.  Il fatto richiede solo l’orientamento nel tempo e nel luogo dell’incidente. In questo caso non abbiamo bisogno di prove, perché è già chiaro. È solo necessario chiarire dove fossero e quando. Gli eventi – al contrario, richiedono un’illustrazione e una presentazione. Quando si fotografa un incendio, è necessario mostrare l’edificio in fiamme, le persone che sono presenti all’interno, il lavoro dei vigili del fuoco, ecc. Quindi, tra tutte le foto, devi scegliere le 5-10 migliori, descrivere l’incidente stesso (motivi, tempo, luogo …) e pubblicare il materiale (o inviarlo alla pubblicazione).

Per quanto riguarda le prove, questo tipo di reportage fotografico, a differenza dei precedenti, richiede una lunga preparazione preliminare. Prima di tutto, è necessario costruire una teoria, discuterla, elaborarla e solo dopo illustrarla con delle prove. La teoria sorge molto prima del saggio fotografico. È questo tipo di reportage fotografico quello che usiamo più spesso nelle spedizioni scientifiche. Di seguito fornirò un piccolo esempio di una nostra ricerca con prove fotografiche portate dal Messico.

L’ordine francescano e le sue tracce nella storia del mondo

«… I francescani hanno un terzo ordine, e nel sud dell’Italia c’è l’Ordine di San Santiago, l’Ordine di Gesù Cristo e il terzo ordine cavalleresco, che nessuno conosce. Ci sono anche strani gaucho poco conosciuti che erano direttamente collegati all’attuazione dei colpi di stato in Europa; unità addestrate nello Yucatan, destinate a ribaltare il potere attraverso operazioni speciali. Nessuno degli storici presta semplicemente attenzione a tali informazioni e a questi fenomeni storici. Tuttavia, ci sono oggetti che non possono essere trascurati o negati: a San Cristobal de la Laguna, nelle Isole Canarie, c’è un tempio di questo Terz’Ordine. Non è chiaro a chi appartenga, ma questo è un tempio cavalleresco, non monastico. Durante una spedizione nello Yucatán, a Mérida, abbiamo anche scoperto un tempio cavalleresco del Terzo Ordine. Devo ammettere di aver più volte visto la presenza di questo ordine in diversi paesi e regioni, ma non aveva attirato la nostra attenzione su questa collisione storica, poiché dovevo prima completare una certa fase di ricerca.»

Oleggio M. Messico. Merida, tempio cavalleresco del Terzo Ordine, 2019
Oleggio M. Messico. Merida, tempio cavalleresco del Terzo Ordine, 2019

Questo sito web può contenere materiale protetto da copyright.
Sul sito web sono disponibili materiali protetti da copyright: il nostro unico scopo è quello di proteggere e mantenere vive le tradizioni e il patrimonio culturale. Alcuni materiali sono distribuiti a scopo informativo, didattico e di pubblica utilità e nessuno di questi è di natura commerciale o ha finalità commerciali. Il sito web non rivendica il copyright su questi materiali e declina ogni responsabilità nei confronti di qualsiasi parte per danni diretti, indiretti, impliciti, speciali, accidentali o derivanti direttamente o indirettamente.
Se sei l'autore di un contenuto (articoli, foto o video) e non vuoi che questo venga pubblicato per il rilancio e la conservazione delle tradizioni e del patrimonio culturale, puoi scrivere una mail a [email protected] indicando il contenuto (la foto, l’articolo o il video) e la persona coinvolta all’interno di esso. Altrimenti, puoi compilare un reclamo sul diritto di copyright a questo link.

About the Author

You may also like these