La storia della nascita di una leggenda. Leica M3

A novembre 2019 è stato messo all’asta il lotto: Leica M3 con un prezzo di partenza di 50.000 euro. Conosci almeno una fotocamera moderna che verrebbe venduta alle aste per questa somma di denaro?

Ma questa Camera incarna e contiene un’intera storia. Gli sviluppi tecnici e le innovazioni che sono stati utilizzati per questa fotocamera erano rivoluzionari all’epoca e sono ancora utilizzati oggi. Queste tecnologie erano innovative non solo per la Leica, ma anche per altri problemi fotografici. Questa fotocamera è diventata lo strumento principale nel giornalismo fotografico. Durante i primi 9 anni di produzione, il numero di copie raggiunto è stato di 226.000 copie, che sono state vendute a un prezzo abbastanza alto, che per molti versi garantisce della qualità di questa fotocamera.

La Leica M3 fu consegnata agli uffici parigini della famosa agenzia fotografica Magnum nel 1958, poiché era la fotocamera scelta dai principali fotoreporter del mondo all’epoca.

Magnum Photos è stata una delle prime cooperative fotografiche interamente controllata dai suoi fotografi. Per svolgere i loro compiti, i fotografi Magnum avevano bisogno della migliore attrezzatura, la più affidabile e pratica. Le fotocamere Leica soddisfacevano tutti i criteri necessari.

Alex K. – Peniche, Portogallo. Leica M3. Film – Kodak Ultramax 400

Henri Cartier-Bresson ha girato fino alla vecchiaia con la sua leggendaria Leica M3. La telecamera era come un’estensione della sua mano e dei suoi occhi. Poteva controllarla ciecamente ed essere invisibile per strada, il che ha reso possibile realizzare scatti dal vivo così incredibili che ammiriamo fino ad oggi.

“Non ho mai rinunciato a Leica. Ha fatto vari tentativi, ma sono sempre tornato da lei. Non dico che sia così per gli altri. Ma per me la fotocamera è esattamente questa fotocamera. Rappresenta letteralmente un’estensione ottica del mio occhio … Quando la tengo tra le mani e la premo sulla fronte, quando sposto lo sguardo da una parte all’altra, ho l’impressione di essere un arbitro in una partita che sta avvenendo davanti ai miei occhi. Afferro la sua atmosfera in un centesimo di secondo. La mia tecnica di ripresa è una reazione istintiva. Naturalmente, utilizzo le capacità di obiettivi diversi, ma non li porto sempre con me. Mi piace che le mie immagini siano nitide, anche affilate … Ma questo è più stile che tecnica … Troppi fotografi prestano attenzione solo alla tecnica e dimenticano lo stile, che è molto più importante. Non ho mai avuto uno studio. Anche quando faccio un ritratto, non “metto” la mia modella, ma la guardo e scatto nel momento in cui appare il personaggio… “- Henri Cartier-Bresson.

Alex K. – Castro Marin, Portogallo. Leica M3. Film – Agfa APX400

Specifiche Leica M3

La prima Leica M3 fu lanciata nel 1954.

Le proprietà e le caratteristiche tipiche che si trovano oggi in qualsiasi fotocamera della serie Leica M erano già presenti nella Leica M3, il primo modello Leica M ad essere prodotto in serie. I progressi tecnologici nel campo della meccanica, dell’ottica e dell’elettronica, nonché il miglioramento dei processi di produzione, hanno permesso negli anni di ottimizzare ed espandere molte delle funzioni della Leica M e di aggiungerne di nuove. Durante questo periodo, alcuni di essi sono stati eliminati o sostituiti senza svantaggi per le prestazioni fotografiche della fotocamera.

Il rapporto tra tutte le fotocamere Leica M è innegabile, dalla primissima Leica M3 all’ultima M10-P. Di seguito puoi tracciare l’albero genealogico delle fotocamere della serie M. Le pietre miliari principali dell’albero sono state prodotte in più copie, molto spesso differiscono per colore e proprietà del materiale del corpo. Potevano essere cromati D’argento o DI nero, ma c’erano anche placcati in oro, titanio, platino o verniciate di nero. Cartier-Bresson aveva un modello “vernice nera”.

Meno note e spesso non riconoscibili dall’esterno, invece, sono le modifiche avvenute in quasi tutti i modelli durante il processo produttivo. In Leica, questa tradizione di incorporare miglioramenti nei dispositivi contemporaneamente alla produzione continua ancora oggi. L’albero genealogico non mostra tutta la variabilità della serie M. Anche l’albero genealogico esposto nello stabilimento Leica di Wetzlar non mostra tutte le varianti esistenti. Tuttavia, l’intero albero iniziò la sua crescita con il nostro eroe: La Leica M3.

Alex K. – Peniche, Portogallo. Leica M3. Pellicola – Kodak Ultramax 400

Storia del percorso verso M3

Durante una visita di stato in Germania nel 1953, il principe ereditario giapponese Akihito visitò di propria iniziativa lo stabilimento di Leitz a Wetzlar. In quel momento, il lancio pilota della Leica M3 era già in corso. Tuttavia, la delegazione che accompagnava il principe ereditario comprendeva anche una serie di alti rappresentanti dell’industria giapponese. Leitz era determinato a mantenere segreto il design della nuova telecamera a questo gruppo e ai giornalisti che lo accompagnavano.

Per fare questo, prese precauzioni speciali per non dare loro la minima opportunità, nemmeno un barlume della nuova fotocamera. Ciò ebbe sicuramente un effetto negativo sul successo e sul tempestivo lancio sul mercato delle fotocamere previsto per l’anno successivo. Per evitare anche il minimo accenno a un progetto, l’intero gruppo Leica M3 venne temporaneamente “smantellato” e tutte le postazioni di lavoro dedicate, comprese macchine e strumenti speciali, furono conservate in bagni chiusi. Invece della Leica M3, i lavoratori assemblarono in modo dimostrativo ulteriori custodie Leica Illf, la cui produzione era ancora in funzione all’epoca.

Lo sviluppo e il design della Leica M3 iniziarono molto prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Tuttavia, all’inizio degli anni Quaranta, le autorità militari ordinarono che la produzione di fotocamere Leica fosse interrotta. Tutta l’attrezzatura venne spostata nei vicini rifugi antiaerei per la conservazione. Fu inoltre vietato l’ulteriore sviluppo delle fotocamere Leica. I restanti dipendenti di Leitz che non vennero arruolati nell’esercito tedesco furono autorizzati a lavorare solo nella produzione per l’esercito. L’ingegnere Willi Stein, che in seguito divenne responsabile del reparto di progettazione fotografica di Leitz, che in precedenza aveva diretto lo sviluppo della nuovissima fotocamera Leica, fu incaricato di sviluppare una fotocamera aerea grandangolare per la Wehrmacht. Ovviamente gli ingegneri erano strettamente monitorati e chiunque in qualche modo non avesse aderito ai compiti fissati dalla Wehrmacht relativi a quel progetto era soggetto a severe punizioni. Nonostante il fatto che all’ingegnere Stein fosse stato proibito di dedicare del tempo a progetti diversi dalla nuova fotocamera dell’aereo, continuò comunque a lavorare sulla nuova fotocamera Leica. Per motivi di sicurezza derivanti da ispezioni improvvise, nonché per mantenere il segreto alla maggior parte dei suoi colleghi del negozio, Stein utilizzò un trucco tecnico.

Alex K. – Palazzo Pena, su un’alta montagna sopra la città di Sintra. Portogallo. Leica M3. Film – Agfa APX400

I disegni costruttivi per Leica erano sempre preparati in scala 5:1. Aveva i progetti per una telecamera aerea di grande formato, disegnata in una scala di 3:1 per farla sembrare più piccola. Pertanto, solo le persone esperte potevano dire se stava lavorando alla progettazione di una telecamera aerea grandangolare o se stava continuando il lavoro proibito su una nuova fotocamera da 35 mm sul suo tavolo da disegno. Pertanto, lo sviluppo della Leica M fu gravemente limitato dalla seconda guerra mondiale, ma non venne mai completamente interrotto.

L’M3 è diventato il capostipite delle fotocamere che sono ancora prodotte nella serie M, sia digitali che a pellicola. Va detto che le fotocamere a pellicola della serie M di questi tempi sono le uniche fotocamere da 35 mm che ancora vengono prodotte oggi.

Henri Cartier-Bresson ha girato per un motivo sulla M3, perché era un artista e un professionista nel suo campo. E come avete già visto prima, la Leica M3 è uno strumento puramente professionale. “Il violino Stradivari sarà il miglior strumento nelle mani di Paganini”. Questo crea un’impronta su questa fotocamera. Non basta desiderarlo per poter fotografare come Cartier-Bresson – per questo bisogna essere un professionista nel tuo campo. Come ricordate, l’M3 ha solo tre fotogrammi nel mirino: 50 mm, 90 mm, 135 mm. Bisogna dire che scattare con una focale di 50 mm non è così facile, nonostante oggigiorno questo obiettivo sia considerato praticamente il più diffuso. Letteralmente in ogni video di YouTube, i guru della fotografia consigliano di acquistare solo un obiettivo del genere, ma questo ha più a che fare con L’efficacia e convenienza in questi giorni che con le sue proprietà professionali.

Alex K. – Peniche, Portogallo. Leica M3. Pellicola – Kodak Ultramax 400

La Leica M3 è la fotocamera a telemetro ideale per la fotografia da 50 mm grazie al suo mirino molto ampio e luminoso, ma non è facile. Devi essere come uno scultore che scolpisce un’elegante scultura da un blocco di marmo, come ha fatto Cartier-Bresson. Ha scolpito nello spazio composizioni ingegnose utilizzando lo strumento Leica sofisticato, preciso e allo stesso tempo molto facile da usare.

“Ho scoperto Leica e ho trovato lo strumento perfetto per il disegno veloce e l’esercizio nella prospettiva della vita. Sono andato dappertutto a ficcare il naso – non c’è altra parola da trovare, sono andato con l’apparato per fiutare. Ma inoltre, avevo anche un considerevole bagaglio letterario e visivo. Quindi si è trattato di un’unione felice. Non mi è mai piaciuto viaggiare. Non posso viaggiare. Eppure viaggio, mi muovo, perché l’effetto sorpresa è importante nella fotografia. Mi muovo, perché senza questo la mia caccia è impossibile, non otterò nulla. E quello che dici delle mie prime fotografie è assolutamente vero. Avevo molta libertà, pochi soldi, vivevo in alberghi sporchi. Ma possedevo un biglietto di terza classe valido tre mesi per trecento pesetas: un grande lusso. Così ho viaggiato in giro per la Spagna. Lavorare con una macchina fotografica è un’intensa concentrazione visiva inerente sia al disegno che alla fotografia. Ricerca di foto è un gioco che si trova a metà strada tra il borseggio e il camminare sul filo del rasoio. Un gioco eterno rafforzato da una tremenda tensione ”- Henri Cartier-Bresson. Guardando quanto sopra, possiamo dire: se volete scattare la foto della vostra vita, vuoi sviluppare gli occhi e le abilità dell’artista nel lavorare con una lunghezza focale di 50 mm, allora non troverete una fotocamera migliore di questa!

Questo sito web può contenere materiale protetto da copyright.
Sul sito web sono disponibili materiali protetti da copyright: il nostro unico scopo è quello di proteggere e mantenere vive le tradizioni e il patrimonio culturale. Alcuni materiali sono distribuiti a scopo informativo, didattico e di pubblica utilità e nessuno di questi è di natura commerciale o ha finalità commerciali. Il sito web non rivendica il copyright su questi materiali e declina ogni responsabilità nei confronti di qualsiasi parte per danni diretti, indiretti, impliciti, speciali, accidentali o derivanti direttamente o indirettamente.
Se sei l'autore di un contenuto (articoli, foto o video) e non vuoi che questo venga pubblicato per il rilancio e la conservazione delle tradizioni e del patrimonio culturale, puoi scrivere una mail a [email protected] indicando il contenuto (la foto, l’articolo o il video) e la persona coinvolta all’interno di esso. Altrimenti, puoi compilare un reclamo sul diritto di copyright a questo link.

About the Author

You may also like these